Scroll Down

La grana onirica della bellezza passante

Veronica Bronzetti, fotografa e ritrattista riminese - la cui formazione nasce all’interno di una cultura editoriale e pubblicitaria in veste di Communication e Marketing Manager - è  attiva da circa trent’anni nel settore massmediatico. 

Artista a tutto tondo, attinge la propria originalità espressiva da eterogenee esperienze che la dissociano dal tradizionale input figurativo di stampo aziendale affiancando alla propria attività un lavoro personale rivolto alla ritrattistica e all’esplorazione del «genius loci» dell’ambiente, nell’interazione di luogo e identità culturale.

Ogni suo ritratto è il retaggio di un impegnativo studio preparatorio della scena, della composizione e di studiate gradazioni luministiche in un percorso che spesso dissolve le forme tramite una «scia dinamica» frutto di sovrimpressioni o lunghe esposizioni dove è possibile cogliere trasversalmente sia delle assonanze riconducibili alla tensione percettiva del movimento di Francesca Woodman e  Duane Michals, sia alla sensualità naturale di Man Ray.

Fotografa polivante, trova la sua espressione compiuta attraverso spunti relativi alla tecnica analogica e digitale - nonché dall’immediatezza della Polaroid - all’insegna di un impegno e creatività originariamente destinati alla realizzazione standardizzata di un prodotto di consumo, che abilmente recupera e trasferisce nella fase di sperimentazione, base di qualsiasi emancipazione artistica.

Tra le indagini di studio esaminate in una serie di iniziative, l’artista riminese propone un  ciclo di frammenti intitolato Ars Minima, che espone in varie personali e collettive, allestisce un luogo adibito ad attività di workshop e laboratori  con sede  Rimini chiamato Spazio Mimesi, e realizza il progetto Preesistenze, che la vede protagonista nella mostra “Sicilia Imago Mundi”, con un grande cartellone espositivo del Med Photo Fest 2019.

Capace di andare oltre i limiti della fashion photography  e delle superfici editoriali, l’artista riminese attinge alla profondità dell’io, tale da celebrare nella sua compiutezza un rapporto intimo di fotogrammi che sintetizzano un percorso sia visivo che psicologico dell’universo femminile in continua evoluzione.

Dreamlike grain of transient beauty

Veronica Bronzetti, photographer and portraitist from Rimini - whose training evolved from an editorial and advertising environment in the capacity of Communication and Marketing Manager - has been active in the media sector for about thirty years.

A well-rounded artist, she draws her  expressive originality from heterogeneous experiences that dissociate her from the traditional figurative input of corporate branding by enhancing her professional activity with a personal style aimed at portraying and exploring the "genius loci" of the environment , in an interaction of location and cultural identity.

Each of her portraits is the result of a demanding preparatory study in terms of scenery, composition and lighting effects. Bronzetti achieves images that dissolve their forms through a "dynamic trail" resulting in layers obtained from superimpositions, or long exposures where it is possible to grasp similiarities with the perception of motion achieved by Francesca Woodman and Duane Michals, and with the natural sensuality of Man Ray.

A photographer with an eclectic mindset, she manages to express her ideas through various techniques ranging from analog and digital cameras - as well as from the immediacy of Polaroid shots - in the name of a commitment and creativity originally intended for the standards of the fashion industry, which she skillfully reproposes and converts into new modes of  experimentation, the basis of any artistic emancipation.

Bonzetti’s visual journey features a series of initiatives, such as a cycle of fragments entitled Ars Minima, a studio space in Rimini used for workshops called Spazio Mimesi, and a recent exhibition, Pre-existences, which sees her as the protagonist in the "Sicilia Imago Mundi" exhibition, with her large display poster of the Med Photo Fest 2019.

Comfortable to go beyond the limits of fashion photography and editorial imagery, the Rimini artist draws on the depth of the self,  celebrating an intimate relationship that summarize her talent, both visual and psychological, dedicated to the female universe in continuous evolution.

mob. + 39  366 488 12 99
v@veronicabronzetti.com
© 2020 by Veronica Bronzetti